Quarto round di TRIALPLAY all’insegna delle novità

Prosegue tra novità e conferme la stagione 2020 di TRIALPLAY, primo Campionato di Trial “alternativo” e “social” ideato, promosso ed organizzato dal Comitato Trial FMI. Complessivamente oltre 30 trialisti hanno preso parte al quarto appuntamento previsto dal calendario, iscritti alle tre categorie in gara (MiniTrial, Open ed Elite) in base al proprio bagaglio di esperienze. Collegati dalle rispettive abitazioni tramite la piattaforma Zoom, i partecipanti si sono confrontati in una competizione unica nel suo genere, destinata a tenere alto il livello di attenzione verso le due ruote trialistiche in piena emergenza COVID-19.

NOVITÀ

In virtù dell’esperienza di successo maturata nei precedenti tre round, per il quarto appuntamento stagionale il Comitato Trial FMI ha ulteriormente innalzato il livello di difficoltà degli esercizi previsti nelle tre “zone” di gara. La prima zona, dedicata al “surplace”, ha imposto ai concorrenti di mantenere la ruota anteriore dritta e per un tempo previsto di 60 secondi.

La Zona 2, con un tempo stabilito di 90 secondi, nuovamente è stata incentrata ai cosiddetti “spostamenti laterali” con l’obbligatorietà di effettuare un giro (o più) completo con la propria moto di 360°.

La terza e conclusiva zona si è rivelata particolarmente tecnica: sempre “surplace”, ma dovendo tenere in mano una bottiglietta d’acqua di mezzo litro, con la discriminante per un eventuale pareggio determinata dal passaggio della suddetta bottiglietta da una mano all’altra nei 90 secondi previsti dal regolamento.

LA GARA

Riaffermando il proprio intento, il quarto round di TRIALPLAY è stato vissuto con entusiasmo, passione e divertimento dai partecipanti. Per quanto concerne i verdetti sportivi, nella classe MiniTrial riservata ai giovani talenti fino a 13 anni di età Edio Poncia, sono sole 2 penalità, si è assicurato la seconda vittoria consecutiva a precedere Erica Bianchi, confermatasi capo-classifica di campionato. Bella prova anche da parte di Elia Bertagna e William Franzoni, a loro volta con 3 penalità a referto.

I giovani Giacomo Brunisso, Luca Craighero, Ryan Ostini ed Andrea Sofia Rabino in azione

La nutrita e combattutissima graduatoria Open ha visto ben sette trialisti portare a termine con successo le tre zone di gara, con la classifica finale determinata pertanto in base alle discriminanti previste dalla seconda (numero di giri a 360°) e terza zona (numero di passaggio da una mano all’altra della bottiglietta d’acqua in surplace sulla propria moto). In virtù di questi criteri, Sergio Pesenti si è garantito la vittoria a precedere Giacomo Brunisso, Alessandro Nucifora, il leader della generale Gabriele Saleri, Mirko Pedretti, Gabriele Pardini e Luca Craighero.

Altrettanto avvincente la top class Elite con quattro trialisti a quota zero penalità, tre dei quali in grado di completare lo stesso numero di giri a 360° nella Zona 2. Grazie all’ultima discriminante, Filippo Locca ha conquistato la vittoria e la leadership in solitaria di campionato (anche dell’Assoluta) a precedere nell’ordine Carlo Alberto Rabino, Lorenzo Gandola, Andrea Gabutti e Michele Ruga.

PROSSIMO APPUNTAMENTO

TRIALPLAY tornerà in azione domenica 3 maggio per il conclusivo appuntamento, come sempre con la diretta streaming garantita dalle pagine Facebook del Campionato Italiano Trial e FMI Comitato Trial.